IL FOOTBALL NON È SOLO II DIVISIONE VIA AL PROGETTO CON LE SCUOLE


06-2016-03


COMUNICATO STAMPA N. 20/2015-16 del del 11/03/2016

Controllare le previsioni meteo di Monza e dintorni è in queste ore la passione preferita dei crociati. Vorrebbero evitare altre spalmate di fango gratuite; per quelle volute ci sono sempre i resort termali da prenotare. Si, perché con la terra molto umida i gladiatori sardi non riescono a raccapezzarsi più di tanto, e l’esordio con gli Skorpions ne è l’esempio più eclatante. Vero altrettanto è che la formazione varesina, anche sotto il sole ha imposto la sua legge proprio contro i martelli brianzoli.

Read more

IL PANTANO NON UNA MANO


05-2016-05


COMUNICATO STAMPA N. 19/2015-16 del 28/02/2016

Quando ci si spiaccica sul fango e sotto una pioggia battente, il riferirsi a qualcosa di epico viene quasi spontaneo. Ma a rimembrare con più fervore la gara d’esordio del campionato saranno di sicuro i padroni di casa che prima di mettere in lavatrice le loro irriconoscibili divise ne vorranno annusare il profumo della vittoria. Ai Cru il merito di aver retto per un intero tempo e di non essersi lasciati andare quando le cose si sono messe male in modo irreversibile.
Fra due settimane nuova trasferta da affrontare con un pizzico di malizia in più.

Read more

IL CAMPIONATO È SERVITO


04-2016-04


COMUNICATO STAMPA N. 18/2015-16 del 26/02/2016

Le tante incognite prima dello scontro iniziale. Si insinuano sia nella testa dei gladiatori sardi, sia in quella dei varesini, così da rendere le attese particolarmente spasmodiche. Gli ultimi allenamenti sono stati molto sentiti dal team cagliaritano e i buoni rendimenti dei runningback Riccardo Pili, Alberto Cannas e di tutto il reparto dei defensive back hanno colpito il coaching staff. “Ma in generale tutta la squadra si è mossa bene” ha tenuto a precisare l’head coach Giuseppe Fiorito (vedere intervista in basso). Negli ultimi allenamenti sono stati 33 i giocatori abili, mentre altri sei hanno dovuto stopparsi per problemi fisici e di altre matrici.
In Lombardia si presenteranno in venticinque; davanti a loro si mostrerà un collettivo che sta attuando delle graduali trasformazioni.
Sotto il profilo organizzativo l’esordio casalingo del 20 marzo è preparato con la dovuta meticolosità. Quella domenica a Monte Claro si presenteranno i Blue Storm di Busto Arstizio e per l’occasione gli addetti alle statistiche saranno ben tre. All’ormai collaudato Alessandro Picciau si affiancheranno anche Paola Palmas e Jessica Pinna che proprio nei giorni scorsi hanno passato brillantemente l’esame. La notizia è stata diffusa dal presidente Emanuele Garzia, entusiasta per questi nuovi ingressi. “Altri tasselli importanti si sono aggiunti alla grande famiglia dei Crusaders – precisa il dirigente – e ho voluto complimentarmi con loro perché sono state davvero brave”.

Read more

IL PRESIDENTE GARZIA CHIEDE AL CONI MASSIMO IMPEGNO PER L’APPLICAZIONE DELLE TARIFFE AGEVOLATE


03-2016-01


COMUNICATO STAMPA N. 17/2015-16 del 15/02/2016

Sesta esperienza consecutiva nel campionato di II divisione. Un nutrito drappello di atleti attende con ansia l’esordio a Varese il prossimo 28 febbraio. E quando si fa riferimento a trasferte così onerose il presidente del sodalizio cagliaritano Emanuele Garzia si irrigidisce non poco se medita, in quanto sardo, alla mancata applicazione della tariffa agevolata ‘Sportlight” di Alitalia che nel resto del territorio nazionale consente di viaggiare a soli 79 € a/r”. Ne approfitta per lanciare un appello alle squadre e alle federazioni isolane. “Uniamoci e chiediamo con forza di essere trattati come tutte le altre regioni Italiane – sbotta Garzia - affinché ci venga riconosciuta la stessa tariffa, sono certo che uniti si vince come un team molto affiatato”. Non si esclude che a breve venga convocata una conferenza stampa collettiva per trovare delle soluzioni immediate, si sta lavorando alacremente su questa eventualità. Il presidente dei crociati chiede a Gianfranco Fara, presidente regionale del CONI, massimo impegno ed urgenza nell’adottare il provvedimento in merito: “È lui uno dei principali destinatari della mia richiesta – conclude Garzia – perché sa benissimo che l’attuale costo della tratta (160 € per Milano) rappresenta un salasso; perché lo sport sardo deve essere penalizzato così pesantemente?”.

Read more

UN SUPER BOWL MOLTO SPECIALE QUELLO CHE I CRU SI GODONO ALLA CLUB HOUSE DI MONSERRATO


02-2016-01


COMUNICATO STAMPA N. 16/2015-16 del 05/02/2016


Il siparietto più comico si apre quando nel bel mezzo della telecronaca in diretta qualche imprudente avventore decide di cambiare canale. Allora la Club House di Monserrato si trasforma in un saloon semiserio dove inizia a volare di tutto. Ma per assistere al Super Bowl, c’è un altro rituale da rispettare rigorosamente: la corretta posizione di ciascuno dei presenti. Non a caso il referente Matia Pisu per diversi giorni si è scervellato nel disegnare la piantina con i posti storici da assegnare. Lo hanno aiutato anche Carlo Caruana e Fabrizio Sulis, ormai con una lunga esperienza alle spalle su questo tradizionale appuntamento invernale. Il resto si può facilmente immaginare: mentre Denver e Carolina, le protagoniste della 50esima edizione del Super Bowl, sgambetteranno nello stadio di Santa Clara, Crusaders e affini alleneranno l’apparato digerente con saporite grigliate e nettari raccomandati direttamente da Bacco. Le battute si sovrapporranno a raffica; a qualcuno tornerà la voglia di parlare di football, ma non è molto sicuro che verrà preso seriamente.
In venticinque anni di storia, innumerabili sono stati giocatori e simpatizzanti che hanno fatto “cricca” per trascorrere una notte insonne all’insegna del divertimento. Tra loro anche qualche americano, molto legato alla famiglia Crusaders, che per l’occasione viene stanato con il compito di sviscerare quei momenti irripetibili di convivialità estrema. Di seguito le testimonianze di Paul Frick, Louis J Buschi e Tony Simmons.

Read more

UN VENTICINQUENNALE DA PELLE D’OCA


01-2016-07


COMUNICATO STAMPA N. 15/2015-16 del 12-01-2016

Tutto cominciò il 19 dicembre del 1990. Da allora sono tante le storie già scritte, tra pesanti passivi e finali tricolori, caschi scalfiti dagli urti e shoulders sgangherati si, ma non ancora da sacrificare all’indifferenziato. Le avventure in lungo e in largo per la Penisola Italica si protrarranno ancora, ma domenica il tempo si è fermato.
Per festeggiare degnamente i venticinque anni di vita, il lavoro di squadra è indispensabile. E sotto questo aspetto i validi crociati possono tranquillamente fare scuola. Per l’ora di pranzo centotrenta persone hanno preso d’assalto Villa Rossi, ubicata nell’agro di Ussana. E se sono state “controllate” in ogni minimo dettaglio lo si deve alla caparbietà di un “manipolo di indefessi” che si sono superati nel fare in modo che i cinque lustri venissero solennizzati in maniera encomiabile.
“Per gli inviti – racconta Aldo Palmas, offensive coordinator della squadra senior - ci siamo distribuiti i compiti con Sergio Andrea Meloni, Amedeo Toran, il presidentissimo Emanuele Garzia (vedere intervista in basso) e Gianfranco Farris; ovviamente tutti i giocatori hanno invitato i propri amici e parenti”.
Ma c’era da curare anche la logistica e su quel versante un grosso contributo l’ha dato Carlo Aymerich (proprietario di villa Rossi), e poi Giulia Congia (vedere intervista ancora più in basso), Matia Pisu, Andrea Meloni e Efisio Melis. “Villa Rossi è una fantastica location che si presta a pranzi conviviali – prosegue Palmas – appartiene ad un nostro compagno di squadra che la gestisce personalmente; eravamo sicuri che saremo stati bene”.
Tra atleti, dirigenti, genitori ed ex a vario titolo, spiccano il senatore pentastellato Roberto Cotti e il politico di lungo corso Piergiorgio Massidda: il primo vanta un passato da kicker agli albori del football americano a Cagliari; il secondo per un breve periodo ha ricoperto la carica di vicepresidente FIDAF. “Rispetto alla lista iniziale degli invitati – ha evidenziato il tecnico dei Crusaders - non hanno risposto all’appello circa trenta persone, ma tra quelli che hanno dato la conferma le defezioni sono state pochissime. Alla fine abbiamo dovuto bloccare ulteriori adesioni. Sono felice di aver riabbracciato compagni e dirigenti che non vedevo da quasi dieci anni. Alcuni non li conoscevo proprio, solo visti in qualche foto storica”.
Il menù del pranzo è stato di chiare influenze campidanesi, “tutto ottimo e abbondante” tendono a precisare gran parte dei commensali e dopo aver soddisfatto le pretese dello stomaco via alla lotteria con dodici estrazioni che come premi prevedeva i calendari 2016 dei Crusaders, orologi, accendini Zippo, cappelli e indumenti vari tutti griffati con il logo della società.
Le emozioni si scatenano definitivamente allo spegnimento della candeline che infilzavano la dolce composizione studiata appositamente per l’occasione. Ma basta piangere, il campionato di II divisione è alle porte. “Per lo più abbiamo ricordato partite, trasferte o uscite degli anni passati – chiude Aldo Palmas - del prossimo campionato abbiamo semplicemente detto che ci piacerebbe avere il sostegno di tutti quelli che negli anni sono stati Crusaders”.

Read more