PECCATO, É TUTTO FINITO

19-2016-01


COMUNICATO STAMPA N. 33/2015-16 del 29/05/2016

Nonostante l’appendice alla regular season sia stata mancata, è record di tutti tempi in II divisione. Con quattro vittorie su otto partite si materializza un secondo posto a pari merito con gli Skorpions che vantano un + 8 nella differenza punti, prezioso ai fini del conseguimento dei play off. Figuriamoci se dopo un traguardo così importante non si solleveranno in alto i calici.
Sarà osannato Andrea Antonino che nella week 9 è stato votato come miglior giocatore. Passerella d’onore per Alberto Bebbo Cannas, primo runner a portarsi a spasso l’ovale fino alla end zone. Grazie ad un touchdown da manuale Matia Pisu parteciperà con più enfasi alla festa di compleanno dei suoi figlioletti. Mentre Simone Moccia ripaga, con una prestazione poderosa, i familiari che finalmente hanno raccolto il suo appello, andando a Monte Claro per ammirarlo. Premio eleganza al presidente Emanuele Garzia costretto a lasciare il terreno a metà gara per assolvere agli immancabili impegni di varia natura. Tanta gioia infine per il ritorno sui campi di Riccardo Pili. La grande famiglia dei Crusaders ha sempre tante storie da raccontare, ma ora si concede la meritata pausa, prima che quelli dell’under si riprendano la scena.

 

CAMPIONATO ITALIANO II DIVISIONE - GIRONE A - WEEK 09

CAGLIARI – C.S. Monte Claro – Via Cadello, 9 - 29/05/2016 – Ore 13:00

CRUSADERS CAGLIARI 34
FROGS LEGNANO 21

 

1° tempo (21 – 07)
Marcatori: Td Andrea Traverso pass, + 1 pt addizionale di Edoardo Minuti (Fro); Td Alberto Cannas run, + 1 pt addizionale di Massimiliano Mandas (Cru); Td Andrea Lianas pass Simone Moccia, + 1 pt addizionale di Massimiliano Mandas (Cru); Td Simone Moccia qb sneak, + 1 pt addizionale Max Mandas (Cru)

2° tempo (13 – 14)
Marcatori: Td Andrea Fiammenghi run, + 1pt addizionale Gian Luca Nocera (Fro); Td Matia Pisu run (Cru); Td Lorenzo Nuzzi, + 1 pt addizionale di Gian Luca Nocera; Td Andrea Lianas pass Sergio Andrea Meloni, + 1 pt addizionale di Max Mandas (Cru)

TANTE EMOZIONI NELLA VITTORIA N. 4

Si affrontano due squadre che non hanno più nulla da chiedere, a parte concludere dignitosamente il campionato. Gli ospiti danno l’idea di essere atterrati sul suolo sardo per frenare con convinzione un ciclo negativo di tre sconfitte consecutive. Ben servito dal suo bravo qb, il ranocchio Andrea Traverso sblocca il risultato mandando su tutte le furie l’head coach Fiorito che non si spiega il perché gli inizi dei suoi siano quasi sempre stentati. Arriva anche il calcio addizionale di Edoardo Minuti. La rabbia sprigionata dall’allenatore scuote immediatamente il reparto offensivo che avanza con regolarità ed efficienza, anche se il risultato rimane immutato. Altrettanto fa la retroguardia che con più attenzione costringe al punt gli avversari. Sul tentativo di spazzare si avventa come una fiera affamata Amedeo Ahmed che intercetta l’ovale. In seguito alla respinta viene raccolto da Stefano Murgia: la sua avanzata consente ai suoi di sferrare l’attacco a poche iarde dalla linea di meta. A quel punto è un gioco per Bebbo Cannas realizzare il touchdown, finalizzato con un calcio di Max Mandas.
Il vantaggio locale si concretizza nel secondo quarto con la bella intesa tra la cabina di regia (Simone Moccia) e il buon Andrea Lianas che questa volta abbranca bene la palla e realizza. Purtroppo si infortuna il lombardo Alessandro Lupo: dopo una pausa di oltre dieci minuti il medico Elisabetta Marongiu appura la frattura della falange e lo manda urgentemente al pronto soccorso del vicino nosocomio Santissima Trinità.
Alla ripresa del match Max Mandas è nuovamente impeccabile dalla linea delle due iarde (14 – 7). Ora i rosso argento sono più sciolti e consapevoli delle loro potenzialità. Simone Moccia diventa protagonista con una qb sneak seguita dal terzo calcio vincente di Mandas.
Il solito svarione difensivo ad inizio ripresa permette ad Andrea Fiammenghi di correre indisturbato e con la marcia più veloce verso la segnatura. Stavolta le urla di Fiorito sono talmente forti che le caratteristiche folate sferzanti di Monte Claro sembrano placarsi. Gian Luca Nocera finalizza con un calcio. (21 – 14).
I tifosi si rincuorano quando assistono ad una pregevole trama offensiva con Matia Pisu che spunta all’improvviso dalle retrovie e macina 59 iarde tutte d’un fiato. Applausi e pericoli di rimonta per ora scongiurati. Stavolta Mandas non calibra bene la traiettoria tra i due pali e poco più tardi i Frogs si fanno nuovamente sotto con la segnatura di Lorenzo Nuzzi in corsa. Col punto di Nocera il divario ritorna di sei punti (27 – 21). Un altro infortunio scuote la panchina lombarda: Fiammenghi è costretto ad abbandonare per una distorsione in seguito ad un placcaggio di Stefano Murgia che provvidenzialmente ha evitato il peggio stroncando la veloce incursione dell’anfibio. Il risultato viene messo in cassaforte ancora da Andrea Lianas che sfrutta nel migliore dei modi l’assist di Sergio Andrea Meloni.
Segue una fase confusa del match. Si vedono belle iniziative di Matia Pisu e Gianfranco Farris che purtroppo sono viziate da falli. Ma le decisioni arbitrali innervosiscono panchina cagliaritana e pubblico. Il risultato non si sblocca più.

19-2016-02 
Bebbo Cannas (Foto Giulia Congia)
19-2016-03
Fiammenghi contro tre Cru (Foto Giulia Congia)
19-2016-04
Il kicker Max Mandas (Foto Giulia Congia)
19-2016-05
L'infortunio ad Alessandro Lupo (Foto Giulia Congia)
19-2016-06
La catena non si spezza (Foto Giulia Congia)
19-2016-07
Matia Pisu verso la meta (Foto Giulia Congia)
19-2016-08
Pochi Cru e tanti frogs (Foto Giulia Congia) 
19-2016-09
Riccardo Pili è tornato sui campi (Foto Giulia Congia) 
19-2016-10
Stefano Murgia blocca la fuga di Fiammenghi (Foto Giulia Congia) 
19-2016-11
Un lancio di Simone Moccia (Foto Giulia Congia)

 

GIUSEPPE FIORITO: “COMPLESSIVAMENTE SODDISFATTO”

“Le vecchie cariatidi si rincrociano sempre” L’head coach Giuseppe Fiorito scherza a fine partita con due arcinote figure avversarie. Una è Walter Talone, coordinatore della difesa, con cui ha militato, come cornerback, nella giovanile dei Rams, quando aveva sedici anni. L’altro è l’head coach Guido Cavallini suo ex compagno di botte nei Falcons.  

Da dove cominciamo?
Parto da quello che non mi è piaciuto. Abbiamo avuto dei cali di concentrazione che puntualmente paghiamo cari. Anche oggi i Frogs ci hanno subito puniti. E poi sui trick plays siamo andati male, li subiamo più del dovuto. Ci vorrebbe maggiore disciplina.  

Però..
Quando le cose funzionano è tutta un’altra musica. Mi è piaciuto vedere l’attacco che finalmente muove la palla. Mi è piaciuto vedere un running game efficiente. Abbiamo segnato con un runner, cosa che ancora non era successa. Eccezionale la prestazione in copertura di Gianluca Barabino. E poi sia in attacco, sia in difesa, siamo riusciti a far entrare tutti i giocatori. Questo è per me un punto d’orgoglio e sono sicuro di parlare anche a nome dell’offensive coordinator Aldo Palmas. Questa vittoria è della squadra e della società, la dedichiamo a tutti i nostri supporters. E in particolar modo a Lorenzo Branchi; nella sua rubrica ‘Abracabranchi’ non ci ha mai dato come vincitori. Sono sicuro che ci mancherà, l’anno prossimo pare si occupi di NFL perché è uno che ne capisce.

Impressioni sui Frogs?
Hanno patito un calo nella seconda parte del campionato, sono giovani e quindi dal punto di vista fisico hanno sicuramente accusato gli sforzi accumulati nei mesi. All’andata siamo stati sconfitti sia per la loro bravura, sia perché a noi manca un po’ di attitudine e di cattiveria mentale. Mi piace anche pensare che da allora noi siamo cresciuti e stavolta 34 punti li abbiamo realizzati noi.

C’è un grande rammarico
Alla luce dei fatti siamo fuori dai play off per otto punti. E mi viene da ripensare a quel punt sul fango a Varese che era un gioco rotto. Purtroppo è andata così.

Ma i segnali in chiave futura sono tanti
Sono molto contento della crescita di questa squadra. Abbiamo affrontato un po’ in sordina l’inizio di campionato, forse per timore reverenziale nei confronti di un girone che non conoscevamo e composto da squadre con blasone. Però è un dato di fatto che, a parte i Blue Storms che avevano una marcia in più, qui in casa abbiam battuto tutti. Sono contento del risultato complessivo terminato in pareggio.

Appuntamento in autunno
Ho visto crescere i giovani e tante altre cose buone dalle quali noi possiamo ripartire per fare ancora meglio l’anno prossimo in un cammino che se legittimato dalla società darà ancora altri frutti.

 

19-2016-12 
L'head coach Giuseppe Fiorito (Foto Giulia Congia)

 

VOCALI E CONSONANTI DA MONTE CLARO

Gianluca Barabino (Safety Crusaders). “Ultima di campionato con un po’ di rammarico perché ci ritroviamo a pari punti con la franchigia che accede ai play off. Facendo un po’ più attenzione alla gara di andata con gli Skorpions forse ora il verdetto sarebbe diverso. Sono rimasto colpito dalla tranquillità manifestata nonostante fossimo partiti male. L’attacco ha giocato molto bene rimettendo le cose subito a posto. E questo ha fatto bene anche a noi della difesa che con altrettanta serenità siamo riusciti a contenere le offensive lombarde. Nonostante il mancato accesso alla fase successiva cerchiamo di vedere comunque il bicchiere mezzo pieno. Sono migliorato tanto rispetto allo scorso anno che per me era il primo d’attività. Credo di aver mantenuto maggiore concentrazione tra i vari drive, anche perché non ero abituato a questo tipo di gioco molto spezzettato dove ad ogni azione devi dare sempre il massimo”.

Luca Giraldi (Ricevitore Crusaders). “Quando sei costretto a guardare la squadra da fuori, causa infortunio, è sempre una brutta sensazione. Mi auguro che nel riprendermi dalla frattura scomposta al perone possa ritornare più forte di prima. Di sicuro non mollerò, anche se ci ho pensato più di una volta, visto che con il lavoro ho avuto seri problemi. Quanto al rendimento complessivo della squadra posso dire che il girone ha sicuramente aiutato nel conseguire la migliore prestazione di sempre. Avevamo le chance di andare anche più avanti, ma ci si può accontentare anche di un secondo posto a pari punti. Ci sono mancati i punti in trasferta, però come tutte le squadre avevamo bisogno di carburare un po’. E infatti nelle ultime gare abbiamo giocato meglio. Sono estremamente deluso dai giocatori che ho allenato in under 19 lo scorso anno. Non è possibile che si sia registrata un’affluenza così bassa in prima squadra, con appena tre elementi. E questa situazione mi ha talmente demoralizzato che sto pensando seriamente di abbandonare l’incarico di head coach. Purtroppo è come lottare con i mulini a vento. Sarà anche colpa nostra ma ai ragazzi non si riesce ad inculcare che il settore giovanile è indispensabile alla prima squadra. E se il coach ti convoca dovresti rispondere affermativamente e non tirare fuori scuse poco convincenti”.

Alessandro Ortu (Linebacker Crusaders). “Ci tenevo tantissimo a questi play off ma gli Skorpions sono stati più bravi. Vedremo il prossimo anno di salire un gradino in più. Sono rimasto colpito dal rendimento dei Frogs che all’andata mi sono sembrati più bravi. Obbiettivamente siamo migliorati anche noi come collettivo, però dobbiamo crescere ancora e ci stiamo lavorando. Se tutti venissero agli allenamenti avremmo la possibilità di provare tutte le cose che vengono in mente al nostro allenatore. Festeggeremo sicuramente per il buon risultato ottenuto, e poi ci daremo al beach football, alla palestra e chi vuole ai normali allenamenti. Ad ottobre riprenderemo con la preparazione atletica. Ora mi butto a capofitto sui miei studi di ingegneria meccanica perché gli esami incombono”.

 

19-2016-13 
Gianluca Barabino (Foto Giulia Congia)
19-2016-14
Luca Giraldi (Foto Giulia Congia)
19-2016-15
Al centro Alessandro Ortu tra Baldussi e Aymerich (Foto Giulia Congia)
19-2016-16
Alessandro Ortu si avventa sull'avversario (Foto Giulia Congia)

 

PLAYER-OF-THE-WEEK-9
Andrea Antonino LB #44 premiato come Player of the Week della 9 giornata
18-2016-12
La locandina realizzata da Max Mandas e Battista Battino
calendario-A4 4 
Il calendario delle gare dei Crusaders realizzato da Battista Battino
 

CALENDARIO CAMPIONATO II DIVISIONE FIDAF 2016

 

28/02/2016

Skorpions Varese – Crusaders Cagliari

14 - 00

06/03/2016

Skorpions Varese – Hammers Monza Brianza

27 -00

13/03/2016

Blue Storms Busto Arsizio - Skorpions Varese

20 - 00

13/03/2016

Hammers Monza Brianza - Crusaders Cagliari

00 - 13

02/04/2016

Frogs Legnano – Blues Storms Busto Arsizio

26 - 36

10/04/2016

Blue Storms Busto Arsizio - Hammers Monza Brianza

34 - 00

10/04/2016

Frogs Legnano - Crusaders Cagliari

34 - 07

17/04/2016

Blue Storms Busto Arsizio - Crusaders Cagliari

26 - 07

17/04/2016

Hammers Monza Brianza - Frogs Legnano

16 - 33

23/04/2016

Crusaders Cagliari – Skorpions Varese

12 - 06

24/04/2016

Frogs Legnano - Hammers Monza Brianza

24 - 21

30/04/2016

Skorpions Varese - Frogs Legnano

28 - 12

07/05/2016

Blue Storms Busto Arsizio - Frogs Legnano

34 - 14

08/05/2016

Hammers Monza Brianza - Skorpions Varese

20 - 19

15/05/2016

Crusaders Cagliari - Hammers Monza Brianza

19 - 17

15/05/2016

Skorpions Varese - Blue Storms Busto Arsizio

14 - 26

22/05/2016

Crusaders Cagliari - Blue Storms Busto Arsizio

06 - 27

22/05/2016

Frogs Legnano - Skorpions Varese

13 - 33

29/05/2016

Crusaders Cagliari - Frogs Legnano

34 - 21

29/05/2016

Hammers Monza Brianza - Blues Storm Busto Arsizio

00 - 19


CLASSIFICA: Blue Storm 12, Frogs 6 Crusaders 6, Skorpions 4, Hammers 2.


E' possibile seguire i Crusaders su TwitterFacebook e nella rinnovata pagina web www.crusaders-cagliari.it.


 Ufficio Stampa
 Gipi Puggioni