DA OGGI LA A2 SPAVENTA MENO

30-2012-00

Anno IV. Comunicato n. 31 del 06/05/2012

Ritorno agli sfarzi passati. Proprio nel giorno dei Monumenti Aperti i crociati miscelano a dovere antichi e nuovi refrain cogliendo il primo successo stagionale davanti ad un pubblico incredulo ma allo stesso tempo euforico all’ennesima potenza. Gli interdivisionali portano bene ai sardi che trovano motivazioni e certezze proprio con le compagini che non fanno parte del girone. Il collettivo cresce a vista d’occhio, sviluppa un’intelligenza tattica che gli permette di risolvere le asperità contingenti e di replicare con veemenza senza tener conto dell’enorme bagaglio tecnico dei Red Jackets. Non c’è solo concretezza nel nuovo look dei crociati, ma si dà spazio anche a virtuosismi personali che testimoniano quanto questa squadra possa raccogliere se si allenasse compatta per tre giorni alla settimana. Le standing ovation sono principalmente per Matia “Air” Pisu e Gianluca “Gianluchino” Fois autori di due touchdown a testa. Ma i veri affezionati alla disciplina avranno potuto notare come lo Special team sia in grado di esprimersi con versatilità e confortante presenza di spirito.

 


CAMPIONATO SERIE A2 LENAF - WEEK 9 – GIRONE SUD

MONSERRATO – Campo Sportivo Eliseo Corona - Terramaini – Via Cabras - 06/05/2012 – Ore 12,45


CRUSADERS CAGLIARI 28

VS

RED JACKETS LUNI 24

 

 

1° tempo (14 - 16) Marcatori: Td Radu Buchi, 2 pt addizionali di Auréle Verne (RJ); Td Matia “Air” Pisu run; 1 pt addizionale di Bonifacio “Bonito” Ruggiu (Cru); Td Francesco Barotti, 2 pt addizionali di Radu Buchi (RJ); Td Gianluca “Gianluchino” Fois, 1 pt addizionale di Bonifacio Ruggiu (Cru).

2° tempo (14 – 08): Td Gianluca “Gianluchino” Fois, 2 pt addizionali di Luca “Smigol” Giraldi (Cru); Td Francesco Barotti; 2 pt addizionali di Francesco Barotti (RJ); Td Matia “Air” Pisu pass Meloni (Cru).

MATCH DI GRANDE SPESSORE CON THRILLING

Gli ospiti arrivano stremati nel capoluogo, causa viaggio interminabile. Comprensibile la necessità di aprire le ostilità con tre quarti d’ora di ritardo. I padroni di casa devono fare a meno dell’infortunato qb Moccia ma salutano il ritorno sul campo di gioco, dopo tanti anni di “fermo biologico” dell’ultra trentenne difensive end Amedeo Toran. Nonostante i fastidi dettati dal lungo spostamento il team ligure comincia il match con una marcia in più. In seguito alla conquista di un primo down per una perfetta ricezione, il romeno Radu Buchi possiede scatto e velocità necessari per crearsi un varco importante (0/6). Non paghi di questo exploit a freddo, finalizzano con un’altra ottima intuizione del francese Auréle Verne (0/8). La reazione dei rosso argento non è immediata anche se il qb Sergio Andrea Meloni e Gianluca Fois  guadagnano dei down importanti. Successivamente l’ingegnere Sam indovina l’assist per l’amministratore di condomini Gianluchino che incredibilmente si fa sfuggire la presa sulla linea di meta. I locali insistono con le buone penetrazioni di Davide Cappai, fino a quando Matia Pisu concede la sua prima delizia agguantando l’ovale dai quaranta metri e buttandosi a capofitto verso la end zone avversaria con una poderosa progressione (6/8). La gara si riapre grazie anche al kick dello specialista Bonifacio “Bonito” Ruggiu (7/8). L’attacco dei lunigiani è tra i più prolifici del campionato e non a caso si riversa nuovamente in avanti complice anche una ricezione impossibile da parte di Davide Toracci. Nell’azione successiva Francesco Barotti realizza in mischia (7/14). Spetterà nuovamente a Radu Buchi ristabilire un vantaggio consistente (7/16). Dopo qualche errore dettato dall’inesperienza delle giovani leve crociate è sempre Pisu a tenere alto l’umore della sua squadra mettendosi in mostra con la sua proverbiale elevazione da cestista che gli permette di troneggiare anche se imbottito tra due avversari. Segue un’altra imbeccata di Meloni verso lo stesso ferroviere che solo per una questione di millimetri oltrepassa la linea di meta dal bordo del campo. Intanto la difesa crociata contrasta con sempre più convinzione gli avversari: gli speaker Carlo Caruana e Dario Mannoni citano spesso il linebacker Alessandro Ortu e il capitano della difesa Stefano Murgia. Arriva anche il momento di una nuova riscossa con Gianluca Fois che si ritrova il campo libero e accede facilmente in meta (13/16). Bonifacio Ruggiu azzecca anche il suo secondo tentativo (14/16). Dopo il riposo è ancora Pisu ad infiammare i presenti con un'altra ricezione da manuale, sorvegliato dai due soliti marcatori. È il preludio al vantaggio che vede nuovamente protagonista Fois: trova il corridoio vincente nel lato alla sua sinistra. Il successivo calcio di Ruggiu si infrange sulla barriera ospite ma l’ovale schizza nelle parti di Luca “Smigol” Giraldi che al rallentatore realizza altri due punti tra lo stupore generale perché la retroguardia ospite è rimasta impietrita a guardarlo. L’asse Giuseppe Lombi/Stefano Murgia provvede a frenare le offensive liguri, mentre in avanti Cappai tenta sempre di sfuggire ai suoi immediati inseguitori. Nell’ultimo quarto altro capovolgimento di fronte con il TD di Barotti che poi mette a segno anche i due punti successivi. Però c’è sempre Pisu dall’altra parte del campo a tenere vive le speranze dei rosso argento: macina iarde a ripetizione, guadagnandone in tutto una cinquantina. Nel down a seguire Fois raggiunge la linea che varrebbe altri sei punti, ma vengono annullati per un holding. Mancano poco più di cento secondi ma la gara resta apertissima e Matia Pisu concede l’ultima chicca recuperando con una sola mano e un movimento plastico incredibile la palla scagliata dal solito Sam Meloni (28/24). Ruggiu stavolta non centra lo specchio della porta ma tutti credono che i giochi siano fatti. Non è così perché a dieci secondi dal termine il club lunigiano trova le forze per tentare l’ultimo assalto che solo per pochi millimetri non va a segno. Arriva il triplice fischio come una liberazione. Il popolo dei Crusaders urla e gioisce con i giocatori. Tante emozioni concentrate in così poco tempo non si vedono frequentemente.

 

 

31-2012-01
Il rumeno Radu Buchi va in meta (Foto Battista Battino)
31-2012-02
fase di gioco (Foto Giulia Congia)
31-2012-03
Gianluca Fois pentra la difesa avversaria (Foto Giulia Congia)
31-2012-04
Matia Pisu si invola in meta (Foto Giulia Congia)
31-2012-05
Sam Meloni pronto al lancio (Foto Giulia Congia)
31-2012-06 
Un calcio di Andrea Lianas (Foto Battista Battino) 
31-2012-07
Il numero delle Red Flames Cheers(Foto Giulia Congia)

 

DICONO A FINE GARA

Dario Mannoni (Vice – presidente Crusaders): “Ho assistito ad una bellissima partita, molto combattuta. Le due squadre si sono affrontate a viso aperto. Alla fine forse ha prevalso la maggiore freschezza dei cagliaritani. I nostri avversari hanno dovuto affrontare anche un lungo viaggio per venire in Sardegna con navi e pullman. Un grandissimo Matia Pisu ci ha consentito rientrare in partita e poi vincerla. Gianluca Fois ha prima commesso un errore che poteva costarci caro, poi si è rifatto alla grande con due touchdown. Era da tempo che non giocava così bene, sono molto contento per lui anche perché ha avuto un infortunio seccante e nonostante ciò si è ripreso alla grande dimostrando quanto è attaccato alla squadra, e quanto gli piace giocare a football. I Crusaders valgono una media classifica, non di più. Abbiamo ancora forti limiti con una linea d’attacco molto giovane che crescerà col tempo. Non siamo forti, ma neanche deboli; stiamo costruendo un gruppo che ci dia maggiori soddisfazioni nei prossimi anni. Mastromatteo sta facendo un ottimo lavoro, mettere in piedi una nuova organizzazione d’attacco non è semplice, ma oggi il reparto offensivo l’ho visto molto bene e ci ha fatto vincere la partita”.

Giovanni Manca (Allenatore Defensive backs Crusaders): “La gara è stata equilibrata, tutte e due le squadre hanno avuto le stesse chance di vittoria. Quando si provano gli schemi tutti assieme, la squadra funziona. Mi è piaciuta la difesa che è riuscita a reagire nei momenti topici e poi bene l’attacco che ha girato secondo quelli che dovrebbero essere i suoi soliti standard perché è composto da elementi bravi che sanno giocare e impensierire sempre qualsiasi tipo di avversario. I Crusaders non valgono così tanto come oggi, ma non valgono neanche così poco come domenica scorsa. Stiamo riuscendo a trarre profitto dagli errori commessi nel passato, a patto che si continui ad andare sempre agli allenamenti. Tra allenatori siamo contenti. Grazie anche all’arrivo di Kirk stiamo impostando un metodo di lavoro che pian, piano porterà risultati. Una nota di elogio meritano gli Special team: kick off, punt, le trasformazioni da un punto. Tutte cose che abbiamo migliorato notevolmente rispetto al passato. Infine voglio mettere in risalto la correttezza da entrambe le parti; i Red jackets sono onesti e fanno il loro lavoro”.

Matia “Air” Pisu (Ricevitore Crusaders): “C'è poco da dire, vittoria col cuore di tutta la squadra che non ha mai mollato fino allo scadere. È questo l'atteggiamento giusto, da portare per le prossime partite”.

Gianluca “Gianluchino” Fois (Runningback Crusaders): “Due touchdown realizzati, uno annullato, meglio di così non poteva andare. Abbiamo vinto perché ci abbiamo creduto più delle altre volte. E poi c’è stato un netto miglioramento dovuto alla voglia, alla grinta, all’eseguire perfettamente gli schemi manifestata dai ragazzi, questa è un’altra partita rispetto alle altre. Realizzare mete alla mia maniera è semplice, il merito è dei miei compagni che mi aprono lo spazio e io mi metto a correre”.

Stefano Murgia (Linebacker Crusaders): “Ho cercato di fare del mio meglio, come peraltro anche gli altri compagni. Ho commesso anche delle ingenuità dovute a qualche assegnamento sbagliato che non avevamo deciso, ma ci può stare. Questa è la vittoria del gruppo, volevamo vincere davanti al nostro pubblico. A volte giriamo bene, a volte facciamo delle pessime figure come accaduto domenica scorsa contro i Grizzlies. Se giocassimo anche le altre gare con questa intensità potremmo rischiare di andare in zona play – off. Però bisogna impegnarsi sempre, come oggi. Cerchiamo di allenarci sempre bene, però è importante avere la testa anche durante la partita”.

Andrea “Cavallo” Lianas (Tight end Crusaders): “Il risultato può sembrare inaspettato però abbiamo lavorato bene durante la settimana, quindi tutto sommato abbiamo meritato di vincere. Non ci hanno regalato niente, anzi con qualche difficoltà ce l’abbiamo fatta perché ci abbiamo creduto fino alla fine. Oggi sembravamo davvero una squadra. Come si prende atto delle sconfitte, si prende atto anche delle vittorie, spero che la mentalità cambi in positivo. Quello che abbiamo sfidato oggi è senz’altro uno degli attacchi più forti che abbiamo incontrato in questa stagione; difensivamente parlando forse erano più forti i Grizzlies, ma i RJ sono una bella squadra davvero”.

Amedeo “Hamed” Toran (Defensive End Crusaders): “La decisione di riprendere è maturata perché sono venuto a vedere un paio di partite e poi c’è anche lo zampino di Matia Pisu che mi ha convinto. La cosa più bella di questo sport è lo stare tutti assieme. Anche a 34 anni è giusto riprovarci, sono circondato da tanti giovani. Ho ripreso ad allenarmi una settimana fa dopo aver avvisato l’head coach Giacomo Clarkson. Lui è rimasto contento ma mi ha raccomandato di impegnarmi molto perché rispetto ai miei tempi sono cambiate tante cose. Devo riconoscere che la dirigenza sta facendo un ottimo lavoro, come anche gli allenatori che seguono le giovanili. E poi complimenti anche a Giacomo e a Kirk. Il football è uno sport sano che serve ai giovani di oggi.

31-2012-10
Stefano Murgia (Foto Battista Battino)
31-2012-08
Amedeo Toran, un piacevole ritorno in casa Crusaders (Foto Battista Battino)
31-2012-11
Dario Mannoni e Carlo Caruana animano il match dagli spalti (Foto Battista Battino)
31-2012-09
Giacomo Clarkson (Foto Giulia Congia)

 

CLARKSON: “BISOGNA CREDERCI SEMPRE”

Evita accuratamente i trenini festanti. L’head coach si allontana alla chetichella per raggiungere il bar dell’impianto. Un tavolino e una birra per rimuovere lo stress degli ultimi minuti. Quando si fa scovare la tensione è ormai andata, parla volentieri e con piacere. “Per i miei gusti è stata una partita molto stancante – attacca il capo allenatore - ma bella. C’è più soddisfazione nel vincere così anche perché abbiamo giocato bene contro una squadra forte”.

Come hai trovato gli avversari?
Fisicamente superiori, con un gioco preciso, collaudato, robusto, con pochi fronzoli. Non so in quanti se ne sono accorti, ma ad un certo punto hanno cambiato sistema offensivo. In conseguenza di questo fatto la nostra difesa si prende i miei complimenti perché è stata costretta a fare qualcosa di diverso rispetto al solito. La giornata è tutto sommato buona perché si è vinto con consistenza e non per caso.

Il pubblico cagliaritano perché si è divertito un sacco oggi?
Questo è il football che piace. Quando il risultato rimane in bilico fino a pochi secondi dalla fine. E fino a quel punto nessuno sa come andrà finire. In realtà potevano vincere tranquillamente i Red jackets: la difesa ha fatto un notevole sforzo per fermarli a ridosso dell’end zone e ci sono riusciti. Preferisco vincere di quattro punti dopo una gara combattuta.

Gli addetti ai lavori come reagiranno a questa inaspettata vittoria dei Crusaders?
Sinceramente non lo so. Penso che quando giochiamo con lo spirito giusto possiamo misurarci con tutti quanti, alla pari. Bisogna crederci. Quando non c’è convinzione nel fare le cose, perdi. Nel football bisogna entrare in campo convinti di potercela fare.

CALENDARIO GIRONE SUD SERIE A2 LENAF

11/03/2012
Legio XIII Roma – Bobcats Parma = 14 - 39
h. 14.00
11/03/2012
Frogs Legnano – Crusaders Cagliari = 13 - 35
14.30
11/03/2012
Saints Padova - Grizzlies Roma = 07 - 20
14.30
11/03/2012
Angels Pesaro – Briganti Napoli = 14 - 16
15.00
18/03/2012
Crusaders Cagliari – Barbari Roma Nord = 00 - 14
       
18/03/2012
Grizzlies Roma - Legio XIII Roma = 36 - 00

25/03/2012
Barbari Roma Nord – Sharks Palermo = 36 - 07

01/04/2012
Legio XIII Roma - Briganti Napoli = 00 - 48

14/04/2012
Briganti Napoli - Crusaders Cagliari = 14 - 07

15/04/2012
Barbari Roma Nord - Grizzlies Roma = 07 - 10

22/04/2012
Legio XIII Roma - Barbari Roma Nord = 00 - 52

29/04/2012
Grizzlies Roma - Crusaders Cagliari = 33 - 08

29/04/2012
Barbari Roma Nord - Briganti Napoli = 28 - 20

05/05/2012
Briganti Napoli . Titans Romagna = 16 -28

06/05/2012
Legio XIII Roma – Blaks Rivoli = 12 -24

06/05/2012
Grizzlies Roma - Sharks Palermo = 15 - 00

06/05/2012
Barbari Roma Nord – Mastini Verona = 38 - 28

06/05/2012
Crusaders Cagliari – Red Jackets Lunigiana = 28 - 24

19/05/2012
Sharks Palermo - Briganti Napoli

20/05/2012
Aquile Ferrara - Grizzlies Roma

20/05/2012
Crusaders Cagliari – Guelfi Firenze

20/05/2012
Angels Pesaro - Legio XIII Roma

20/05/2012
Titans Romagna - Barbari Roma Nord

26/05/2012
Red Jackets Lunigiana - Barbari Roma Nord

26/05/2012
Guelfi Firenze - Legio XIII Roma

27/05/2012
Mastini Verona - Crusaders Cagliari

27/05/2012
Briganti Napoli - Aquile Ferrara

27/05/2012
Grizzlies Roma - Angels Pesaro

03/06/2012
Crusaders Cagliari - Legio XIII Roma

03/06/2012
Briganti Napoli - Grizzlies Roma


CLASSIFICA: Grizzlies Roma 10, Barbari Roma Nord 10, Briganti Napoli 6, Crusaders Cagliari 4, Legio XIII Roma 0.


Link Utili:
http://www.lenaf.it/
http://www.fidaf.org http://www.brigantinapoli.it/
http://www.romagrizzlies.com/
http://www.legio13roma.it/
http://www.frogslegnano.com/

Gipi Puggioni - Ufficio Stampa Crusaders Cagliari