TUTTI FANNO IL TIFO PER PAOLO

05-00-2012

Anno V. Comunicato n. 5 del 14/11/2012

L’esordio assoluto in un Bowl era indispensabile per avere i primi responsi. Guardati sotto il profilo dei risultati potrebbero suscitare scoramenti e delusioni. Ma nel Football Americano i veri combattenti non si fanno condizionare da una stecca iniziale che va messa in preventivo. Piuttosto dispiace che dalla risaia veronese qualcuno non ne sia uscito solo fradicio e sporchissimo. Durante la prima partita il ricevitore Paolo Porcedda rimane contuso ed è costretto a ricorrere alle cure del pronto soccorso che purtroppo non sono bastate. Al povero rosso argento è stata riscontrata una frattura biossea, scomposta nell’ulna e di minore entità nel radio. Dovrebbero operarlo questa mattina. Amici e compagni hanno subito manifestato grande solidarietà nei suoi confronti. Anche l’allenatore degli Hurricanes Vincenzo Barbone a nome di tutta la sua squadra ha mandato gli auguri di pronta guarigione.

CAMPIONATO FIVE MAN - BOWL DI VERONA

VERONA – Campo Polisportivo Europa – Via Bisenzio, 7 - 11/11/2012 – Ore 11,15 – 12,30

 

HURRICANES VICENZA 19
vs

CRUSADERS CAGLIARI 00

REDSKINS VERONA 35
vs
CRUSADERS CAGLIARI 04

I quattro  punti dei Crusaders li ha realizzati Riccardo Cuccu con 2 safety (placcando per 2 volte il runner avversario nella sua endzone).

IL VETERANO RICCARDO CUCCU L’UNICO ASSOLTO DA COACH PALMAS

Lo stato d’animo dell’head coach Aldo Palmas non è dei migliori. Sconfitte a parte c’è la preoccupazione per l’infortunio di Porcedda che ha aggiunto una certa dose di sconforto a lui e a tutta la comitiva partita a Verona. Quando si tratta di portare a galla le imprecisioni registrate nelle due gare, Palmas non si tira indietro: “Mi aspettavo di più dal punto di vista dell'intensità; per quanto riguarda il lato tecnico/tattico, la partita è stata falsata completamente dalle condizioni del campo che hanno impedito ai miei giocatori di esprimersi al meglio in quanto si erano preparati per giocare una partita più dinamica e meno fisica”. Però non vuole esagerare con gli alibi: “Le condizioni del campo hanno sicuramente favorito le squadre più corpulente, ma non può essere una attenuante, perché noi avevamo tutte le possibilità per fare meglio. L'unica vera giustificazione che possiamo tirare in ballo é che le nostre avversarie hanno già partecipato ad un bowl la settimana precedente e quindi il problema emozionale dovuto all'esordio era stato superato. C'è solo una cosa da fare: continuare a lavorare sodo”.
Almeno un giocatore è uscito con classe dal pantano scaligero: “Riccardo Cuccu è stato un vero trascinatore – aggiunge l’allenatore - anche se i suoi compagni non hanno capito come vanno interpretate queste partite con il campo in situazioni estreme”.
Avanti ieri i giovani crociati si sono riposati dalla trasferta e asciugati dall’acqua imbarcata ma Palmas precisa subito: “Venerdì recupereremo l'allenamento perso e non vediamo l'ora di rientrare in campo per riscattarci”.

 

05-02-2012
Gli atleti cagliaritani in versione rosso argento marrone
05-01-2012
I giovani Cru nel pantano di Verona
05-03-2012
Dettaglio del campo veronese
 05-04-2012
Paolo Porcedda dovrà essere operato (Foto Giulia Congia)
05-05-2012
Riccardo Cuccu il migliore tra i Crusaders (Foto Battista Battino)
05-06-2012
Aldo Palmas e l'assistant coach Walter Serra

 Gipi Puggioni - Ufficio Stampa Crusaders Cagliari