UNA GIORNATA DA DIMENTICARE, SUBITO!

17-2013-00

Anno V. Comunicato n. 18 del 25/03/2013


Nella giornata in cui i primi effetti climatici primaverili sono stati soffocati da un rigurgito della stagione fredda, i rosso argento hanno preferito emulare il passo del gambero, andando a sbattere rovinosamente sulla solidità collettiva dei campioni d’Italia in carica. L’unica attenuante dei padroni di casa è che nel reparto offensivo abbiano fatto a meno dei servigi del qb titolare Sergio Andrea Meloni: dopo l’esordio di due settimane fa ha riportato rottura del legamento collaterale mediale. Si prospettano almeno due settimane di stop forzato prima che possa riprendere a giocare. Ma questo non basta a giustificare la prova incolore offerta dai suoi compagni che contro i Grizzlies avevano mostrato più compattezza e voglia di combattere fino in fondo. Colpiti fulmineamente da una corsa di Di Giorgio, i cagliaritani sono apparsi subito imballati e non particolarmente reattivi alle sollecitazioni del coaching staff che a lungo si è sgolato per rinsavirli. Nel mentre i capitolini tramavano delle controffensive evidentemente insuperabili agli occhi della retroguardia locale che ha sempre trovato serie difficoltà nel bloccare le brillanti progressioni del qb Shaw e del runningback Di Giorgio. Anche il regista Matteo Todde appare meno brioso rispetto a due settimane fa: di sicuro pesa come un macigno la responsabilità di un compito così importante. Ma il pubblico ha capito e l’ha incoraggiato incessantemente. Quando Pistacchio intercetta un lancio e si avvia indisturbato verso la meta percorrendo oltre sessanta iarde si intuisce che i ragazzi dovranno sostenere un bell’esame di coscienza. Durante la pausa il presidente Emanuele Garzia amplifica il suo disappunto e prova a dare una nuova carica ai ragazzi. La ripresa comincia con una esaltante corsa di Nicolas Sialelli che si mangia circa settante iarde prima di superare la linea del touch down. Ma la crew arbitrale coordinata da Alberto Toscano ravvisa l’holding di un suo compagno e fa ripetere il primo down. Purtroppo quella del runningback rimane l’unica azione offensiva da annotare, prima che prima Di Giorgio e poi Shaw rendano ancora più funesta una delle giornate peggiori vissute dal clan crociato negli ultimi anni. Intanto si è rivisto lanciare anche il qb Simone Moccia.


CAMPIONATO SERIE A2 LENAF - WEEK 5 – GIRONE B

MONSERRATO – Campo Sportivo Eliseo Corona - Terramaini – Via Cabras - 24/03/2013 – Ore 14,00


CRUSADERS CAGLIARI 00

VS

BARBARI ROMA NORD 40

 

 

1° tempo (00 – 28) Marcatori: Td Alessandro Di Giorgio run, Td Brandon Shaw run, 2 pt addizionali di Luca D’Ottavi run; Td Shaw run, Td Simone Pistacchio run in seguito ad intercetto; Td Di Giorgio run.

2° tempo (00 – 12): Td Di Giorgio run: Td Shaw run.

 

GIACOMO CLARKSON: “HO VISTO UN’INVOLUZIONE”

“La partita é stata vergognosa, c’é modo e modo di perdere contro una avversaria molto più forte”. L’head coach Giacomo Clarkson a fine partita vuol subito esternare il suo disappunto. Arringa i giocatori in un intervento straordinario che solitamente riserva alla prima seduta d’allenamento della settimana. Evidenzia come il giocare senza voglia porti a delle sconfitte cocenti come quella di ieri. “Abbiamo perduto con una squadra tecnicamente più forte di noi anche nell’ attitudine al football, cosa che a noi manca totalmente”. Il tecnico romano ha espresso parole d’elogio per la condotta di gioco dei crociati, ma l’avvocato di casa non sembra essere d’accordo con questa analisi: “Con il tecnico dei Barbari siamo amici di lunga data e come filosofie di gioco la pensiamo più o meno allo stesso modo. Il problema è che loro riescono a metterle in atto, noi no. Il football è prima di tutto uno sport di intensità e disciplina. Nel momento in cui hai dei giocatori che non vengono all’allenamento, arrivano in ritardo, non prestano attenzione a quello che si viene detto, allora capisci che l’intensità e la disciplina se ne vanno a quel paese”.

In A2 le cose sono decisamente diverse rispetto al campionato cif a nove giocatori..
L’obiettivo primario di chiunque dovrebbe essere quello di vincere il campionato, e non quello di vincere una partita ogni tanto. Questo secondo caso personalmente non interessa. Io voglio mettere su una squadra che abbia un gioco consistente, stabile nel tempo, con una sua filosofia offensiva e difensiva, che giochi le sue partite, le perda e le vinca applicando sempre e comunque la filosofia stessa. Doversi affidare all’exploit dei singoli, al lancio, al placcaggio miracoloso, non è football ma un modo dilettantesco di giocare a football americano. Ai tempi del football a 9 giocatori ci è andata bene così, ma nel football a 11 non va più.

Vedi progressi rispetto alla stagione scorsa?
Non abbiamo fatto grandi miglioramenti perché si é perso nuovamente sia contro i Grizzlies, sia contro i Barbari. Mi sarei aspettato di veder confermate le poche cose decenti viste due settimane fa all’esordio. Contro i Barbari, al contrario, ho visto un’involuzione che non accetto, considerato che abbiamo avuto due settimane per pensare e preparare questa partita.

Però si deve pensare subito a come uscirne..
Se vengo qua a mostrare i video, a far vedere certi tipi di azioni, a dire loro che tipo di errori hanno fatto nella partita precedente e invece vedo rifare gli stessi, identici errori, allora mi faccio delle domande su chi voglia giocare veramente a football o su chi viene qua solamente a fare amicizia. Il football giocato per amicizia lo si fa nel Cif a 9.

Ultime considerazioni?
Spero che i giocatori si convincano di questo discorso perché è l’unico che li porta a vincere non una ma tre, quattro, cinque gare. Perché io vorrei arrivare a fine stagione con degli obiettivi ben definiti. Io vorrei poter programmare con persone che “tirano la corda tutti dalla stessa parte”. Se invece la gente non mi sta ad ascoltare, pensa agli affari suoi, continua a commettere sempre gli stessi errori, vuol dire che io non sono adatto ad allenarli, tireremo le somme senza patemi d’animo.

 

18-2013-03
Giacomo Clarkson dà consigli a Stefanino Murgia (Foto Giulia Congia)
18-2013-01
Che la contesa abbia inizio (Foto Marcello Trois)
18-2013-05
Giacomo Clarkson con il preparatore
dei defensive back Giovanni Manca (Foto Giulia Congia)
18-2013-02
Di Giorgio, una spina nel fianco delal difesa crociata (Foto Giulia Congia)
18-2013-06
Incontri ravvicinati (Foto Giulia Congia)
18-2013-04
Un tuffo verso l'ovale (Foto Marcello Trois)

HANNO DETTO NEL DOPO PARTITA

Emanuele Garzia (Presidente Crusaders): “Nella pausa ho cercato di scuoterli un po’, ma non è servito praticamente a nulla. Abbiamo limitato i danni visto che nella ripresa hanno realizzato dodici punti, ma non è quello lo spirito ideale per affrontare un campionato del genere. Non so spiegarmi questa brusco dietro front. Con i giocatori sono stato molto chiaro da subito: “se non ne avete voglia, non venite a giocare, meglio dodici elementi che giocano bene, piuttosto che vederne ventotto esprimersi come nella gara odierna. Spero che capiscano l’atteggiamento da avere durante gli allenamenti, a patto che ci vadano costantemente”.

Alberto Cannas (Centro Crusaders): “Mi è parso abbastanza palese che non si sia dato il massimo, potevamo fare molto, molto di più. Mi prendo gran parte delle colpe per questo insuccesso, visto il ruolo che ricopro. Però negli allenamenti settimanali eseguo con rigore quello che mi viene prescritto dagli allenatori, sicuramente l’impegno da parte mia non manca mai.”

Nicolas Sialelli (RB Crusaders): “Ci siamo scontrati con un ottimo team capace di fare molto male in attacco, grazie anche al prezioso contributo del loro qb Shaw e ai suoi fedeli collaboratori di linea. Di sicuro i Barbari sono stati molto attenti e concreti anche nel loro reparto difensivo. Nel complesso noi non abbiamo mostrato le stesse loro motivazioni per approdare alla vittoria. Mi dispiace di aver subito questa pesante sconfitta, adoro venire qui a giocare con i miei compagni di squadra che ammiro tantissimo. Mi dispiace per la bellissima corsa annullatami, ma davanti all’holding rilevato dalla crew arbitrale non ho nulla da ridire”.

Sergio Andrea Meloni (Quarterback Crusaders): “Si soffre parecchio nel vedere la gara a bordo campo perché inizialmente il loro tipo di gioco poteva essere l’ideale per il nostro attacco. Secondo me è mancata l’intensità e c’è stata molta paura di sbagliare, e poi anche poca lucidità da parte di ciascuno reparto nell’eseguire il proprio compito. Più che singolarmente abbiamo giocato male come squadra. I margini di miglioramento sono tantissimi, i ragazzi sono giovani, una partita sbagliata ci può stare e sono sicuro che non si ripeterà anche perché sono sicuro che gli allenatori sapranno risolvere all’istante queste problematiche.”

Manuel Schollmeier (Head coach Barbari Roma Nord): “Sapevamo che la gara sarebbe stata difficile, quella di Cagliari è un’ottima squadra da affrontare concentrati sin dall’inizio. Siamo soddisfatti perché ci siamo riusciti. Rispetto alla gara d’esordio perduta contro i Grizzlies siamo in crescendo, ma in quella circostanza eravamo coscienti di non essere ancora pronti per affrontare i vice campioni in carica. Commettemmo degli errori che poi nelle settimane successive siamo riusciti ad evitare incrementando il lavoro e facendo degli aggiustamenti. La partita contro la Legio XIII e soprattutto questa ha dimostrato che siamo sulla strada giusta ma c’è ancora tantissimo da fare. Il risultato di oggi penalizza un po’ troppo i Crusaders  che possiedono una qualità di squadra molto alta. Faccio loro i miei complimenti perché hanno delle valide individualità e in seguito potranno dire la loro”.


18-2013-10
a sx Alberto Cannas discute con Walter Serra (Foto Giulia Congia)
18-2013-08
A sx il tecnico dei Barbari Roma Nord Schollmeier (Foto Giulia Congia)
18-2013-07
Il convalescente Sam Meloni aiuta il coaching staff (Foto Giulia Congia)
18-2013-09
Il presidente dei Crusaders Cagliari Emanuele Garzia (Foto Giulia Congia)
18-2013-11
Nicolas Saielli (Foto Giulia Congia)
17-2013-09
La locandina del match creata da Battista Battino

 

CALENDARIO GIRONE B SERIE A2 LENAF

03/03/2013
Grizzlies Roma - Barbari Roma Nord 24 - 07
10/03/2013
Crusaders Cagliari - Grizzlies Roma 10 - 20
Legio XIII Roma - Barbari Roma Nord 00 - 63
17/03/2013
Legio XIII Roma – Cardinals Palermo 14 - 32
24/03/2013
Grizzlies Roma - Legio XIII Roma 49 - 00
Crusaders Cagliari – Barbari Roma Nord 00 - 40
07/04/2013
Barbari Roma Nord - Grizzlies Roma h. 15.00
Briganti Napoli - Legio XIII Roma h. 12.30
Crusaders Cagliari – Lions Bergamo h. 14.00
14/04/2013
Barbari Roma Nord – Sharks Palermo h. 15.00
13/04/2013
Cardinals Palermo - Crusaders Cagliari h. 11.00
20/04/2013
Grizzlies Roma – ASD American Football Team Catania h. 15.00
21/04/2013
Legio XIII Roma - Crusaders Cagliari h. 15.00
28/04/2013
Legio XIII Roma - Grizzlies Roma h. 15.00
Barbari Roma Nord - Crusaders Cagliari h. 15.00
05/05/2013
Grizzlies Roma - Crusaders Cagliari h. 14.00
12/05/2013
ASD American Football Team Catania - Barbari Roma Nord h. 15.00
12/05/2013
Crusaders Cagliari - Legio XIII Roma h. 14,00
19/05/2013
Angels Pesaro - Grizzlies Roma h. 16.00
19/05/2013
Barbari Roma Nord - Legio XIII Roma h. 15.00


CLASSIFICA: Grizzlies Roma 4, Barbari Roma Nord 2, Crusaders Cagliari 0, Legio XIII Roma 0.

 


Link Utili:
www.lenaf.it/
www.grizzliesroma.it
www.legio13roma.it/
www.barbariromanord.com/


Gipi Puggioni - Ufficio Stampa Crusaders Cagliari